AIRONE - Abbigliamento AICH

Cos’è il cutting

CHI SIAMO:

Associazione Italiana Cutting Horse.
L’ Associazione Italiana Cutting Horse nasce in Italia nel 1986 per opera di un piccolo gruppo di appassionati. Oggi conta più di 200 iscritti che partecipano alle sue competizioni ed altrettanti abituali fans.
IL CUTTING:
Da lavoro a divertimento –

Dal lavoro di ogni giorno alla prova di abilità. Le gare di cutting sono uno degli spettacoli più appassionanti a cui può capitare di assistere.
Per i cowboy, i cavalli sono stati da sempre fondamentali nel lavoro con le mandrie e a loro va il merito di aver trasformato questa antica abilità in una vera e propria arte.

Il bestiame doveva essere raccolto su praterie sconfinate per essere marchiato o vaccinato e nei giorni di mercato i vitelli migliori dovevano essere separati dal resto della mandria per essere venduti.
Spettava al capo dei mandriani entrare nella mandria per separare un vitello, facendo molta attenzione a non far spaventare gli altri capi, altrimenti il panico si sarebbe presto diffuso nella mandria.
Quando il vitello tentava di ritornare in mezzo agli altri, era il cavallo a mantenerlo sotto controllo, scattando da una parte all’altra, impedendogli di riunirsi alla mandria.
Questa operazione era definita “cut”, ossia taglio e vista al di là del puro utilizzo, una vera e propria danza.  Con il tempo i cow boy iniziarono a sfidarsi per dimostrare la propria abilità nel “cattare“, organizzando dei veri e propri contest.
Protagonisti di queste sfide, erano i cavalli, naturalmente dotati di “cow sense“, una sorta di sesto senso che permette a certi soggetti di controllare il bestiame con estrema naturalezza, senza bisogno dell’uso delle redini.
Agli esordi di questa nuova specialità non esisteva la figura del giudice. Era il pubblico, fischiando e urlando a decretare il cow boy migliore. Per assistere alla nascita di un regolamento, bisognerà aspettare il 1946 quando un gruppo di 13 cow boy dà vita alla prima National Cutting Horse Association con l’obiettivo di creare uno standard per queste gare.